CONTATTI

Via G.Garibaldi 17, Bovolone - Verona
Tel. 045 7100035 - 045 6948544
Mail. info@farmaciabordogna.it

ORARI FARMACIA

Lun-Ven 09:00 - 12:30 | 15:30 - 19:20
Sabato 09:00 - 12:30
FARMACIA DI TURNO

VETERINARIA

AMICI A 4 ZAMPE

EQUILIBRIO ENERGETICO

AGOPUNTURA

Consulta la farmacia di turno piu' vicina a te!



SCARICA L’APP DI PETFORMANCE!

Petformance ha realizzato un’innovativa App in collaborazione con farmacie che sono delle Petfarmacy. Sono un club esclusivo di farmacie, le migliori in Italia, che hanno scelto di dedicare uno spazio commerciale dedicato esclusivamente al Pet.
L’App sarà un incredibile strumento che ti permetterà di usufruire di fantastici vantaggi:
Ecco cosa potrai trovare:

News dedicate al mondo degli animali
delle pillole informative e curiosità interessanti sui tuoi amci a 4 zampe
Promozioni commerciali
Delle straordinarie promozioni commerciali sui prodotti Petformance
Programma Fidelity
Ad ogni acquisto nella tua Petfarmacy di fiducia potrai accumulare punti che ti consentiranno di aggiudicarti splendidi premi
Sistema Pick&Pay
Potrai consultare tutto il catalogo prodotti di Petformance e ordinarli tramite l’App alla tua Petfarmacy. In questo modo sarai sempre sicuro di trovare i tuoi prodotti pronti per essere ritirati in farmacia
Petfarmacy locator
un sistema che individua tutte le Petfarmacy presenti sul territorio nazionale
Prenotazione visita veterinario
potrai prenotare una visita tramite l’App ad un veterinario selezionato direttamente dalla tua Petfarmacy
Chat Petfarmacy /Veterinario
potrai contattare direttamente tramite una chat il farmacista della tua Petfarmacy e anche il veterinario
COSA ASPETTI, SCARICA IMMEDIATAMENTE L’APP DI PETFORMANCE
UN MONDO DI VANTAGGI PER TE E PER IL TUO AMICO A QUATTRO ZAMPE TI ASPETTANO!


Scarica dal Google Play Store:
Scarica da App Store:






LA FARMACIA DI QUATTO QUATTO E MIAO MIAO

Il Dott.Emilio e tutti i colleghi della Farmacia Bordogna sono orgogliosi di guardare alla salute dei vostri amici a 4 zampe.
"Questa Farmacia risponde alle esigenze dei proprietari di animali domestici che sono diventati membri della famiglia." Ci racconta il Dott.Emilio Titolare della FARMACIA BORDOGNA da poco rinnovata "All’interno della nostra farmacia abbiamo un vasto assortimento di prodotti naturali per i nostri compagni pelosi.
Finalmente un nuovo reparto dedicato ai vostri amici a 4 zampe, per la loro cura e igiene e per la pulizia dell'ambiente in cui vivono."
Il Dott.Emilio ci riferisce: "Una Farmacia al passo con i tempi, vediamo sempre più clienti che hanno un animale da compagnia ed è nostra premura assisterli perchè siano sereni sicuri e felici insieme ai loro amici."
"Sapete", continua il dott.Emilio, "che i vostri animali possono essere curati anche con la medicina alternativa naturale e fitoterapica?
I colleghi che trovi a tua disposizione presso la Farmacia Bordogna sono aggiornati e qualificati in tutti questi nuovi campi."
Presso la nostra farmacia è disponibile una vasta gamma di prodotti per la cura dei vostri amici a quattro zampe ed una qualificata consulenza da parte dei nostri farmacisti


Fitoterapia e medicine non convenzionali in veterinaria

L’uso di prodotti naturali, sia per la salute dell’uomo che per quella degli animali, è in continua crescita.
Studi farmacologici dimostrano infatti che se un prodotto è utilizzato per l’uomo può essere altrettanto adatto per gli animali, che da sempre sono grandi amici del “naturale”...
Si pensi che le prime erbe indicate per trattare le malattie degli esseri umani sono state individuate migliaia di anni fa proprio osservando come gli animali curavano i propri disturbi.
Oggi, molti proprietari di animali, sia da allevamento che da compagnia, si rivolgono ai veterinari “olistici” - cioè esperti in medicine naturali - poiché essi conoscono l’impiego di erbe, rimedi omeopatici, oli essenziali ecc. e adottano tecniche quali agopuntura e massaggio per il benessere dei nostri piccoli, grandi amici.
Occorre poi ricordare che l’uso delle terapie complementari permette di curare gli animali non solo sul piano fisico, ma anche su quello psichico, emozionale ed energetico.
"La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali" (M.Gandhi)
È ormai da molti anni che in Medicina Veterinaria, accanto all'allopatia coesistono diverse discipline mediche definite comunemente 'non convenzionali', 'complementari', 'alternative', 'energetiche', 'naturali'.
Si tratta di medicine 'altre' che, analogamente a quanto avviene nella sanità per l'uomo, integrano e potenziano la veterinaria convenzionale. Queste discipline mediche si differenziano dall'allopatia per alcuni importanti aspetti.
L'allopatia, che pure ha tantissimi e riconosciuti meriti, ha sviluppato un approccio analitico - meccanicistico della medicina che ha indotto ad uno studio frammentario ed ultraspecialistico del corpo.
Ne è derivato un modello terapeutico il cui effetto specifico è mirato solo su un particolare organo bersaglio, quello 'malato', quasi esistesse al di fuori dell'intero organismo, con scarsa o nulla considerazione per i fattori ambientali esterni o per i fattori psico - comportamentali del soggetto.
Le medicine non convenzionali (MNC), invece, hanno un approccio di tipo relativistico - energetico che permette uno studio integrato ed olistico (dal greco ó?oÇ: tutto) del corpo.
Pertanto il tipo di terapia attuato è volto all'interezza del soggetto, inteso come un microcosmo in cui organi, tessuti, processi fisiologici e patologici, fattori ambientali esterni, fattori psico - comportamentali costituiscono una rete dinamica di configurazioni non separabili di energia.
Questa energia è quella di cui si parla nelle teorie della moderna fisica in cui l'assunto principale è racchiuso nella ben nota formula einsteiniana che sancisce la definitiva uguaglianza tra energia e materia: E = m c2.
Di fatto la fisica della relatività e la fisica quantistica hanno indotto ad una profonda revisione della concezione dell'universo, e stanno determinando la transizione a nuovi modelli scientifici anche per la medicina veterinaria.
Si viene così a configurare una rete di informazioni tra energia e materia in cui il tutto è maggiore della somma delle parti e ogni parte contiene il tutto.
In questo nuovo ambito il medico veterinario si colloca come un ordinatore della salute, aspetta il momento opportuno, tocca appena il corpo dell'animale lasciando agire le capacità di auto guarigione proprie del soggetto, riportandolo in quella condizione di equilibrio dinamico che è la condizione di salute e benessere.
Le MNC nell'assicurare il mantenimento del sistema energetico dell'animale, danno grande importanza alle influenze genetiche, alla tipologia propria del singolo individuo, alle sue interazioni con l'ambiente esterno, ed attuano la prevenzione come unico efficace modello di cura.
Consideriamo nello specifico le diverse discipline.

Omeopatia

Si tratta di un complesso sistema medico elaborato dal Dr. Samuel Hahnemann, basato sul principio Similia similibus curentur (i simili curano i simili). Secondo questa disciplina, le dosi minime sono estremamente efficaci e possono indurre i sintomi della patologia che si vuol curare, stimolando però le capacità di risposta proprie dell'organismo.
Allo scopo vengono impiegate sostanze vegetali, minerali, animali fortemente diluite per passaggi seriali in acqua tanto che la soluzione finale non contiene alcuna molecola della sostanza di partenza. In tal modo si sfrutta la capacità di risonanza energetica dell'acqua che è così in grado di veicolare l'informazione elettromagnetica lasciata dalla sostanza originale.
Normalmente, prima dell'assunzione, la 'miscela' così ottenuta viene sottoposta a succussione, cioè viene vigorosamente agitata al fine di dinamizzare l'informazione energetica che dovrà stimolare l'organismo.
Attualmente sono disponibili anche rimedi omeopatici in forma di granuli o globuli.
La prescrizione omeopatica è strettamente individuale, e solo dopo un'attenta analisi della sintomatologia (in questo si ricorre all'impiego di ponderose materie mediche omeopatiche, distinte per categorie e quadri sindromici) e dopo un approfondito interrogatorio anamnesico, viene selezionato l'unico rimedio necessario in quel momento per il singolo animale.

Omotossicologia

Si tratta di una disciplina medica che trae origine dall'Omeopatia, ma se ne discosta sia nelle procedure diagnostiche, più volte allo studio dei dati nosologici, sia nelle forme della terapia che prevede l'impiego di composé, cioè di miscele di più rimedi, somministrati contemporaneamente.

Floriterapia di Bach

Si tratta di un sistema basato sull'impiego di trentotto rimedi floreali, individuati dal Dr. Edward Bach.
I fiori, raccolti al momento di massimo sviluppo, vengono lasciati immersi in acqua ed esposti alla luce perché i raggi solari possano fissare in essa l'informazione energetica dei fiori; quindi l'acqua viene filtrata e miscelata a brandy così da stabilizzare il rimedio.
La prescrizione dei fiori di Bach avviene su una base metodologica simile a quella dell'Omeopatia, con maggiore enfasi alla condizione psico - comportamentale del soggetto.

Fitoterapia

L'impiego di erbe a scopo terapeutico si perde nella notte dei tempi, e la maggior parte delle culture e civiltà hanno fatto naturalmente ricorso ad esse per combattere le più differenti patologie: non è esagerato sostenere che la medicina moderna deriva proprio dalla fitoterapia.
E' noto che le erbe possiedono effetti nel riequilibrare il metabolismo organico, ripristinando condizioni di equilibrio fisiologico.
Di fatto le modalità applicative variano alquanto: alcuni fitoterapeuti impiegano le erbe secondo una visione moderna e materialistica della medicina, altri le impiegano considerando l'informazione energetica che esse veicolano

Fitoterapia Cinese

Si tratta di una delle principali branche della Medicina Tradizionale Cinese (MTC).
Come tutte le discipline mediche che costituiscono la MTC, anche la Fitoterapia cinese mira a ristabilire una normale produzione e circolazione di Qi, l'energia vitale che scorre nel corpo animale.
Normalmente le prescrizioni fitoterapiche cinesi sono costituite da più erbe, ciascuna associata alle altre per le sue qualità energetiche e per la direzionalità che induce nel flusso energetico globale dell'organismo.

Agopuntura

E' anch'essa una branca della MTC che prevede l'applicazione di una precisa metodologia diagnostico - terapeutica per animali, il cui principio fondante è Contraria sunt complementa (i contrari sono complementari).
Di fatto si tratta di una disciplina medica antichissima che ha la stessa origine della MTC per l'uomo, ma il cui sviluppo è stato peculiare e specifico.
Zao Fu è considerato il primo medico veterinario agopuntore che già nel 974 a.C. trattava le patologie del cavallo con gli aghi, e questo testimonia quanto sia antica questa disciplina.
Secondo le dottrine classiche della MTC, il corpo degli animali è percorso da un incessante flusso di energia vitale detta "Qi", la quale origina dai principali organi e fluisce in un sistema circolatorio di canali, i cosiddetti "meridiani".
Su essi sono presenti alcune aree, vere e proprie stazioni di regolazione energetica, gli "agopunti", su cui si agisce mediante aghi metallici ('cinesi' di varia lunghezza e diametro, ma talvolta anche aghi 'occidentali' da iniezione), moxibustione (coni e sigari di Artemisia spp. che hanno effetto termo - energizzante), idroagopuntura (inoculazioni di piccole quantità di Vit B, iodio in veicolo oleoso, soluzione fisiologica), elettrostimolazione, laserpuntura, digitopressione, massaggio.
Quando il flusso è scorrevole ed in equilibrio, l'animale è in salute; se l'equilibrio è turbato, allora l'animale sarà malato o proverà dolore.




Partner

     



EQUILIBRIO ENERGETICO

Questo equilibrio si ottiene con la stimolazione dei punti energetici

che agisce sui circuiti perturbati, anche a distanza. I blocchi vengono eliminati definitivamente: i campi vengono riallineati e la medicazione adattata ha lo scopo di mantenere questo equilibrio globale.
L'approccio Acmos, permette una sistematica, che definisce un quadro relativamente strutturato e nel quale è possibile adattarsi alle necessità di ogni caso.
Essa permette anche di utilizzare rimedi ben mirati dopo ogni esame. Infine è progressiva e dolce, evitando così le crisi di eliminazione e gli aggravamenti provocati dalla mobilitazione di una carica tossica toppo importante.
L'originalità del Metodo Acmos sta nello stabilire una diagnostica a partire dalla misura dei campi e circuiti energetici permettendo così un'azione diretta sulla "causa" e non sulla manifestazione del disturbo.
Oggi le MNC sono al centro dell'interesse della 'zootecnia biologica' e ben si inseriscono nelle direttive europee che prevedono proprio il ricorso preferenziale a queste metodologie cliniche per gli animali adibiti a questo particolare allevamento: la metodica terapeutica delle MNC non determina la presenza di residui nelle produzioni alimentari che, pertanto, non risultano dannosi per la salute dei consumatori.
E' attualmente in discussione una Proposta di Legge sulla regolamentazione delle MNC che rappresenta un importante strumento di riordino del settore e di legittimazione dei medici e dei medici veterinari esperti in tali discipline. Sinora la cultura della MNC, la formazione di base e quella avanzata, l'aggiornamento professionale, le istanze per il processo di riconoscimento in Italia sono stati assicurati dall'impegno delle società scientifiche di MNC e che, per quanto riguarda la veterinaria, sono confluite nella Unione Medicina Non Convenzionale Veterinaria - U.M.N.C.V. (www. umncv.it).
La stessa World Health Organization si è pronunciata a favore delle MNC in quanto discipline mediche di indubbio valore ed in grado di determinare una riduzione nella spesa sanitaria nazionale sia dei Paesi progrediti che di quelli in via di sviluppo, proprio in virtù della loro peculiare applicazione clinica.
Le MNC appaiono in grado di ripristinare quelle metodologie cliniche globali in cui il paziente è considerato in tutta la sua interezza e giustamente collocato in un dato ambiente che interagisce con questi, ed in cui l'alimentazione, i sistemi di allevamento ed allenamento rivestono un ruolo decisivo nel favorire o danneggiare la sanità stessa dell'individuo.
Le MNC si pongono non come alternativa all'allopatia, ma come necessario completamento in un sistema clinico che, affiancando tra loro le diverse discipline mediche, determini l'attuazione pratica di una medicina veterinaria integrata in cui il potenziamento dell'atto medico è finalizzato al raggiungimento del benessere e della salute animale.

Francesco Longo Medico Veterinario Specialista in Riproduzione Animale

RICHIEDI SUBITO UN APPUNTAMENTO


MICOTERAPIA PER GLI ANIMALI

Gli approfonditi che vengono condotti

in tutto il mondo, in particolare Giappone, Germania, Usa, Cina hanno evidenziato il fondamentale ruolo che i funghi medicinali hanno per la medicina e questa branca della fitoterapia ha ormai una suo ben definito ambito di applicazioni che vanno dalla modulazione del sistema immunitario all’azione prebiotica e antiossidante, dalla protezione dell’apparato cardiovascolare al controllo del diabete e all’attività antitumorale.
Numerose ricerche moderne, hanno convalidato molte delle antiche osservazioni, risalenti addirittura alla preistoria.
Mico-immunonutrizione oncologica per il cane e il gatto Dott Alessandro Prota (medico veterinario)
Molti fattori influiscono sullo sviluppo dei tumori nel cane e nel gatto e non sempre sono presi seriamente in considerazione tra questi vi sono:
- gli effetti da sostanze tossiche presenti nell’ambiente
- gli additivi contenuti negli alimenti
- il sovraccarico degli organi emuntori
- lo squilibrio delle funzioni immunitarie
- lo stress
- conflitti psichici.

Le conseguenze dell’inquinamento ambientale, l’utilizzo di pesticidi così come di additivi nell’industria alimentare, non devono essere sottovalutate.
Il problema, infatti, sta nel quotidiano, anche se solo in piccole quantità, assunzione di sostanze nocive attraverso l’alimentazione, l’acqua che beviamo e l’aria che si respira.
Tali sostanze, col tempo sovraccaricano gli organi emuntori: fegato, stomaco e intestino, reni, sistema linfatico e polmoni.
Questo crea nell’organismo un ambiente favorevole allo sviluppo di una forma tumorale in grado di progredire grazie anche al derivante squilibrio del sistema immunitario che non riconosce e distrugge in tempo le cellule cancerogene.
Non solo inizialmente bensì anche durante la malattia, le tossine svolgono un ruolo fondamentale. La malattia stessa così come i tratta menti di radio o chemioterapia determinano la formazione di sostanze tossiche che affaticano gli organi adibiti ai processi di detossificazione, in particolare fegato e reni, con peggioramento della funzionalità e ristagno delle tossine. Il tutto va ad alterare il funzionamento del sistema immunitario. Contro questo surplus di scorie e tossine l'organismo reagisce con un esaurimento psico-fisico che influisce negativamente sullo stato di salute generale.
Se la capacità rigenerativa psico-fisica è limitata e l’organismo non è più in grado di adattarsi a situazioni stressanti, si creano le condizioni predisponenti allo sviluppo di patologie croniche, che a loro volta contribuiscono al mantenimento dello squilibrio immunologico.
Fattori negativi come stress, infiammazioni croniche, allergie e tumori determinano uno spostamento dell’attività del sistema immunitario verso la risposta umorale (produzione di anticorpi e stimolo infiammatorio).
La risposta umorale, definita TH1, e quella cellulo-mediata, definita TH2, in condizioni di equilibrio dovrebbero lavorare 12 ore l’una e 12 ore l’altra. Se permane lo stimolo per una risposta TH2, la risposta TH1 viene automaticamente inibita per cui l’organismo perde la capacità di difendersi da virus e cellule tumorali.
L’eccesso di vaccinazioni e terapie prolungate con cortisone provocano uno sbilanciamento della risposta verso TH2 con riduzione della sorveglianza immunitaria TH1 Il ripristino di un equilibrio tra risposta immunitaria umorale e cellulo-mediata è quindi assolutamente necessario per consentire all’organismo di poter funzionare sia contro i microrganismi che contro le cellule tumorali.
La diagnosi tumorale rappresenta un forte peso psicologico per i proprietari degli animali colpiti da questa patologia, malattia che spesso in maniera affrettata ricorrono a chemioterapie spesso troppo tossiche per il paziente con compromissione nel tempo delle difese immunitarie con recidive ben più aggressive spesso mortali.

Cosa necessita l’organismo per guarire?
A seconda dell’età del paziente, del tipo e della progressione di malattia, è necessario che vi sia un preciso trattamento tradizionale (chirurgia, chemioterapia, radioterapia) supportato da terapie che permettano, da una parte, di contrastare gli eventuali effetti collaterali, e dall’altra, di lavorare sulle cause. Una intensiva cura di detossificazione, ripristina un equilibrio del sistema immunitario fondamentale per ogni processo di guarigione. Un eccellente supporto per una terapia globale è l’assunzione di funghi terapici grazie alle loro straordinarie capacità di detossificazione e di immunomodulazione. In commercio ormai da tempo vengono proposti funghi terapici ma bisogna stare molto attenti sulla qualità e l'origine di questi funghi, infatti è fondamentale che provengano da coltivazioni biologiche sottoposte a standard GMP Europei, che siano esenti da aflatossine intossicanti e, inoltre, è importante l'assenza di metalli pesanti e radioattività presenti in alcuni funghi commercializzati provenienti da alcuni paesi orientali.
I funghi terapici come adattogeni
Le sostanze adattogene effettuano un ottimo lavoro nel ripristino dell’equilibrio immunologico. Il termine adattogeno è stato concepito dal medico russo NV Lazarev, intendendo tutte quelle sostanze che provvedono al sostentamento e mantenimento di un buon stato di salute e resistenza fisica, anche in situazioni di stress psico-fisico fino nella vecchiaia. Nella sua definizione, un adattogeno deve avere le seguenti caratteristiche:
- Non deve dare all’organismo alcuno stress organico supplementare
- Deve consentire un migliore adattamento organico all’ inquinamento ambientale (l’assunzione di funghi terapeutici sostiene le funzioni fisiologiche dei sistemi nervoso, endocrino ed immunitario, da cui partono principalmente i meccanismi di adattamento)
- Devono avere un effetto immunomodulante per prevenire sia una reazione eccessiva del sistema immunitario.

Questa azione adattogena è stata dimostrata sul fungo Maitake: in condizioni di polarizzazione TH2, l’assunzione di Maitake ripristina l’equilibrio spostandolo verso TH1.
L’azione adattogena avviene grazie alla presenza di polisaccaridi in esso contenuti. Questo porta alla conclusione che anche altri funghi siano in grado di ripristinare l’equilibrio tra cellule TH1 e TH2, grazie al notevole contenuto di polisaccaridi, che svolgono questa modulazione in sinergia con tutte le altre sostanze bioattive contenute dal fungo nella forma naturale.
I beta-glucani sono polisaccaridi a catena lunga, contenuti in concentrazioni variabili in tutti i funghi che a seconda del tipo, si presentano in varie strutture chimiche con efficacia sul sistema immunitario che aumenta a seconda della complessità strutturale, la quale varia, quindi, anche a seconda del fungo.

Ai polisaccaridi isolati dai diversi funghi sono stati dati nomi specifici, ad esempio lo Shiitake, il Coriolus e il Maitake. I Beta-Glucani agiscono a vari livelli si direttamente che indirettamente sul sistema immunitario: attivazione dei monociti/macrofagi, produzione di specifiche citochine, proliferazione e attivazione delle cellule NK, stimolazione di linfociti B e T. L’aumentata produzione di citochine, specifiche a seconda dello squilibrio in atto, fa partire specifici meccanismi di regolazione.

Tra i funghi contenenti grandi quantità di polisaccaridi complessi vi è l’Agaricus Blazei Murrill (ABM), l’assorbimento del quale è migliorato dalla vitamina C.

L'ABM viene utilizzato per la regolazione del sistema immunitario in patologie tumorali, per stimolare la rigenerazione del midollo osseo e di conseguenza, l’emopoiesi che può essere pregiudicata da trattamenti radio e chemioterapici, risolvendo situazioni di anemia e di immunodepressione. Inoltre con l’aiuto dell’ABM possono essere controllate situazioni di epatomegalia, caratteristiche di leucemie e linfomi.






Anche il fungo Maitake svolge una importante azione sul sistema immunitario, in particolar modo quando è colpita la struttura ossea. Questo fungo ha la capacità di rinforzare il tessuto osseo, caratteristica che lo rende molto utile a prevenire e ridurre il dolore di metastasi ossee.

Nei casi di tumori cerebrali è preferibile l’impiego del Maitake all’ABM. Le sostanze utilizzate nella chemioterapia non danneggiano solo le cellule tumorali, ma anche i tessuti sani, in particolar modo quelli costituiti da cellule in attiva replicazione, come per esempio la cute, le mucose e il midollo osseo.
Alterazioni dell’emopoiesi (ridotta sintesi di globuli rossi e bianchi), stanchezza, nausea, vomito, perdita di pelo o danni alle mucose possono essere effetti collaterali di tali terapie. L’utilizzo dei funghi a scopo terapeutico permettono di tenere sotto controllo la tossicità di tali terapie salvaguardando e rinforzando i tessuti sani.






Il fungo Reishi (Ganoderma lucidum tonifica e protegge il fegato agevolando l’eliminazione dal nostro organismo delle tossine in eccesso, con conseguente riduzione dei danni. Il Reishi insieme all’ABM è molto efficace nel ripristinare una corretta emopoiesi. Il Reishi supporta l’eritropoiesi, riducendo la sintomatologia legata all’anemia ossia una scarsa ossigenazione sanguigna e conseguente stanchezza fisica. Questo fungo viene utilizzato sopratutto nei tumori che colpiscono il fegato o il tessuto polmonare.
Il fungo Coriolus (Trametes versicolor) viene invece impiegato prima o durante una radioterapia. Le conseguenze negative delle radiazioni sull’emopoiesi e sulle mucose possono essere ridotte anche in fase preventiva (uso profilattico). Singoli studi dimostrano l’efficacia del Coriolus verso i tumori caratterizzati da componente ormonale come carcinomi mammari e prostatici.

In presenza di metastasi è consigliabile l’impiego del fungo Polyporus.
Il sistema linfatico trasporta molto sostanze tossiche dai tessuti organici ai vasi sanguigni per poterle eliminare attraverso fegato e reni ed ha inoltre un ruolo importante nel nostro organismo, tant’è vero che un suo blocco genera un sovraccarico di scorie che vanno ad incidere sul funzionamento del sistema immunitario.

Appunto per questo, nelle malattie tumorali è fondamentale che vi sia una buona funzionalità del sistema linfatico soprattutto in caso di linfoadenectomie (asportazione del linfonodo) che possono condurre a blocchi e edemi. Nel quadro di una terapia globale, queste situazioni potrebbero essere risolte con l’utilizzo di Polyporus.

Spesso, anche il sovraccarico del tratto intestinale può creare dei problemi, perché la mucosa intestinale ha un ruolo rilevante sulla stabilizzazione, regolazione e sviluppo del sistema immunitario: le placche di Peyer in esso contenute sono importanti per le difese immunitarie, che si diffondono in tutto il corpo attraverso la circolazione sanguigna.

Dato che i funghi possono assorbire le sostanze nocive dal terreno, non dovrebbero essere utilizzati quelli raccolti in natura bensì preferibilmente quelli di origine biologica.

La polvere derivata dal solo micelio dovrebbe essere evitata per il contenuto di oltre il 50% di farina perché a questa mancano determinate sostanze presenti solo nelle lamelle del fungo.

Qui di seguito presentiamo alcune indicazioni:
Tumore Mammario: dato che spesso durante una mastectomia vengono asportati i linfonodi, è molto importante l’uso del Polyporus anche perché aiuta il sistema linfatico ad eliminare le sostanze nocive della chemioterapia.
Per detossificare il fegato che risente molto della tossicità da chemioterapici è appropriata la somministrazione del fungo Reishi.
Durante la radioterapia dovrebbe invece essere impiegato il Coriolus per la capacità di ridurre gli effetti collaterali delle radiazioni.
Anche nei casi di carcinoma mammario ormono-dipendente si consiglia il Coriolus perchè migliora l’efficacia a lungo tempo del blocco ormonale.
Per la protezione del tumore alla mmammella è molto d’aiuto il Maitake. Dopo un trattamento con la medicina tradizionale, l’ABM è in grado di bilanciare il sistema immunitario onde evitare una possibile recidiva di malattia.

Leucemia: Qui si differenzia in base ad aumento o diminuzione dei leucociti.
Se risultassero aumentati è utile lo Shiitake, se diminuiti la scelta ricade sul Reishi. In presenza di un splenomegalia è il caso di aggiungere l’ABM. Se fosse colpito il sistema linfatico, come per esempio nei linfomi, è da aggiungere il Polyporus.
Perché utilizzare una miscela di funghi? I ricercatori ritengono che, al fine di massimizzare la risposta del sistema immunitario, una miscela di polisaccaridi funghi è migliore.
Questi polisaccaridi aumentare il numero e l'attività di killer T e NK (natural killer) linfociti. La combinazione di specie di funghi medicinali invia gli stimoli del sistema immunitario di più a svegliarsi difese naturali del corpo.

In un animale colpito da neoplasia la prima cosa necessaria è mantenere l’organismo nel pieno delle forze sostenendo il sistema immunitario con fitoterapici come ad esempio: Aloe Arborescens, Echinacea, Graviola, Uncaria Tomentosa, Viscum Album, ecc, che modulano e sostengono le cellule deputate alla difesa.
Inoltre sono utili alcuni funghi immunostimolanti e immunomodulanti come il Coriolus, Shitake, ecc, ed anche l’utilizzo di Citochine, Transfactor e Probiotici per salvaguardare la flora intestinale spesso danneggiata da farmaci e chemioterapici.
Oltre ad intervenire sul Sistema Immunitario dell’animale, bisogna sempre sostenere la funzionalità epatica e renale con drenanti a maggior ragione se si pratica la chemioterapia che con la sua tossicità provoca non pochi problemi in tutti gli organi compreso il sistema emopoietico con anemie e leucopenie. L’uso di antiossidanti è fondamentale per sostenere le cellule sane ma questi non vanno somministrati durante la chemioterapia e la radioterapia bensì negli intervalli tra un ciclo e un ‘altro.

La dieta prevede un’alimentazione naturale e di qualità, priva di carboidrati (o almeno ridotti) e ricca di verdure (broccoli, cavoli,ecc), quantità moderate di proteine e grassi di alta qualità, priva di conservanti ed additivi.
La quantità di cibo non deve superare la dose prestabilita in base al peso, l’età ed il tipo di attività altrimenti l’eccesso va a nutrire il tumore vanificando le terapie costose ed lunghe. Di recente sta prendendo sempre più importanza l’uso di farmaci antiangiogenetici per evitare la neoformazione di vasi che vanno a nutrire il tumore.

Esistono Citochine Omeopatizzate e chemioterapici a bassi dosaggi (Chemioterapia Metronomica) che anziché agire come sostanze citotossiche hanno un’azione citostatica ed antiangiogenetica.

Prima di procedere ad una Chemioterapia classica valutare bene la tossicità e lo stato di salute attuale del soggetto, se i suoi organi sono compromessi è fondamentale una terapia di sostegno prima con antiossidanti, immunostimolanti, nutraceutici, fitoterapici e prodotti omotossicologici che vengono scelti in base alla gravità della neoplasia al fine di conservare una qualità di vita dignitosa per il paziente oncologico, senza inutili sofferenze !

RICHIEDI SUBITO UN APPUNTAMENTO


LA MICOTERAPIA NELLE ALLERGIE
DEL CANE E DEL GATTO

Gli allergeni

che possono causare l'atopia includono i pollini degli alberi, i pollini delle erbe infestanti o delle colture, le muffe, le piume, polvere delle abitazioni i resti dell'acaro della polvere della casa
In un elevato numero di cani il prurito si manifesta con lecca mento dei piedi e sfregamenti del muso e delle zampe. La dermatite conseguente inizia con eritema, che può progredire con una dermatite aspecifica con ispessimento della pelle, croste, alopecia e/o piodermite secondaria e seborrea. Più comunemente sono interessate le estremità,la zona perioculare (attorno agli occhi), il muso, le ascelle e l'inguine. Altri sintomi dei cani atopici possono comprendere crisi di sternuti, lacrimazione derivante da una congiuntivite allergica, otite esterna( padiglione arrossato o ispessito con croste) e alterazione di colore del mantello in seguito all'azione della saliva che provoca zone brunastre (Dermatite da Malassezia)
La Dermatite Atopica e'un'ipersensibilità ereditaria verso allergeni inalatori
L'età di insorgenza della malattia è compresa tra 1 e 3 anni nel 75% dei cani ammalati. E' nota la predisposizione alla patologia di alcune razze come il Pastore Tedesco, il Boxer, il Labrador Retriever, il West Highland White Terrier, il Fox Terrier, il Setter Irlandese, il Barboncino e lo Schnauzer Nano,ma possono colpire tutte le razze.
A seconda degli allergeni che scatenano la malattia questa si può presentare in forma stagionale o annuale, purtroppo il 30% delle forme stagionali si trasforma in un problema costante. Nella condizione allergica i componenti del sistema immunitario del cane reagiscono nei confronti delle sostanze estranee (allergeni) a cui il soggetto viene ad essere esposto. La via più frequente di ingresso degli allergeni e' quella inalatoria. Il soggetto presenta prurito più o meno intenso, a volte localizzato in una specifica zona ma più spesso diffuso in più aree se non in tutto il corpo; alcuni soggetti presentano anche rinite con starnuti e/o congiuntivite, rarissime sono le forme asmatiche

RICHIEDI SUBITO UN APPUNTAMENTO


DERMATITE DA LECCAMENTO

Va ricordato che spesso cani atopici

presentano anche intolleranze alimentari o anche allergie verso alcuni alimenti o additivi presenti nel pet food (alimentazione industriale )e' quindi fondamentale nella terapia dell'allergia atopica seguire una dieta con alimenti naturali privi di conservanti e additivi
Un cane atopico e' spesso allergico anche alle pulci (precisamente alla saliva delle pulci)il suo mantello quindi deve essere mantenuto sempre pulito e libero da insetti altrimenti il prurito ricompare anche dopo la guarigione della dermatite.
La pelle dei soggetti atopici spesso e'complicata dalla Malassezia un fungo che si sviluppa per il leccamento e l'infiammazione cronica.
La Malassezia si manifesta con una colorazione brunastra specie nelle aree umide (il tempo freddo umido favorisce la proliferazione del fungo)questo complica la dermatite perche' il soggetto atopico si sensibilizza nei confronti della malassezia e dei batteri che si moltiplicano sulla pelle arrossata e umida, si crea quindi un circo vizioso da dove non se ne esce più con continui cicli di antibiotico e cortisone che con il passare del tempo creano non poche complicazioni degli organi interni alterazione della flora intestinale ed indebolimento del sistema immunitario.
Spesso nella terapia dell'Atopia viene adoperatala Ciclosporina un chemioterapico con effetti tossici a distanza di tempo ed soppressione midollare (midollo osseo dove si formano le cellule del sangue)con conseguente diminuzione delle cellule ematiche e leucocitarie (deputate alla difesa ).
La ciclosporina blocca il prurito e l'arrossamento della pelle del cane ma con un prezzo molto alto che si fa sentire nel tempo, infatti il proprietario è soddisfatto del risultato ma con il tempo deve ritornare dal veterinario per problemi ancora più gravi come alterazioni della funzionalità epatica e renale e disfunzioni immunitarie (abbassamento delle difese immunitarie e anemia )che aprono la porta a infezioni batteriche virali parassitarie e tumori.

RICHIEDI SUBITO UN APPUNTAMENTO


La Medicina Integrata Veterinaria

L'utilità' del cortisone

e antistaminici per impedire il grattamento ed il leccarsi continuo ma si impegna a modulare la risposta immunitaria cercando di abbassare la proliferazione di cellule del sistema TH2 (che producono anticorpi con liberazione di istamina ) favorendo la crescita del sistema Th1 con la proliferazione dei linfociti T (responsabili della difesa cellula mediata).

Il cortisone favorisce lo spostamento della crescita verso il sistema Th2 quindi se da un lato riduce l'infiammazione da l'altro favorisce la crescita delle cellule deputate alla sorveglianza verso allergeni riducendo pero quelle deputate alla difesa (TH1) verso batteri virus e cellule atipiche che se non controllate proliferano dando origine ad i tumori.

La modulazione immunitaria nella Medicina Tradizionale si fa con i vaccini che nella pratica veterinaria spesso danno risultati deludenti (risultati positivi nel 60% dei casi) costosi e che richiedono trattamenti tutto l'anno.

La Medicina NaturaleVeterinaria si affida alla Immunoterapia con Citochine Omeopatizzate, Fitoterapia e Micoterapia
Esistono due quindi 2 tipi di risposta immunitaria linfocitaria: la risposta TH1 e quella TH2.
La risposta TH1 è orientata in senso citotossico nei confronti di virus e batteri.

È sostenuta dall'IFN-GAMMA (che attiva la produzione di radicali liberi, NO soprattutto, da parte dei macrofagi e inibisce la risposta TH2) e dall'IL-12 (che stimola le cellule NK a produrre IFN-GAMMA). È una risposta carente nei Paesi industrializzati ove prevale la risposta TH2.

La risposta TH2 è orientata in senso anticorpale ed è tipica delle malattie allergiche.

È sostenuta dall'IL-4 (che attiva i linfociti B e la produzione di Ig E), dall'IL-5 (che recluta eosinofili in presenza di parassiti), dall'IL-13 e dall'IL-10 (che è una citochina antinfiammatoria, blocca l'IL-3, l'IL-5, l'IL-12, la produzione di IFN-GAMMA e la risposta TH1, ma è proinfiammatoria nei confronti dei processi allergici).

I Funghi rientrano sicuramente in quella che viene definita Immunonutrizione, che è la capacità di modulare l'attività del sistema immunitario attraverso l'utilizzo di specifici nutrienti.

L'immunonutrizione può essere utilizzata ogni volta che si ritenga necessario riequilibrare la risposta immune cellulare (TH1) ed umorale (TH2).
La somministrazione dei funghi quindi permette una diminuzione della quantità di tossine presenti nel nostro organismo attraverso sia una disintossicazione diretta sia il ripristino dell'equilibrio acido-base, dell'equilibrio intestinale e del corretto funzionamento del sistema immunitario

Il vantaggio della micoterapia che modula il sistema immunitario senza il pericolo di sovrastimolare una linea cellulare, regolando quella in eccesso in quel momento e stimolando quella deficitaria ricreando quindi un equilibrio Th1 Th2 indispensabile per un corretto funzionamento.

I funghi maggiormente utilizzati nelle allergie del cane e del gatto sono L'Agaricus e il Reishi

Agaricus Blazei Murril È il fungo più potente come capacità di modulazione del sistema immunitario, grazie alla sua elevatissima concentrazione di polisaccaridi, e diventa un utilissimo supporto nelle malattie neoplastiche. allergiche e autoimmuni

Riequilibra le difese immunitarie ed è molto utile: nelle diverse forme di allergieni inalatori (allergia atopica) nell'asma nelle malattie autoimmuni (Tiroiditi, mielopatia degenerativa, Lupus,Penfigo, IBD ) eliminando gli anticorpi "patologici" presenti nelle malattie allergiche, riequilibrando il circuito difensivo sbilanciato verso la produzione eccessiva di anticorpi tipico dell' assetto immunitario Th2, e modulando la reattivita' immunitaria nelle patologie autoimmuni con prevalenza della linea TH1.

E' anche un ottimo epatoprotettore che depura ed aiuta la ripresa del fegato spesso compromesso quando si parla di allergie

L'Agaricus Blazei Murril (ABM) attraverso la sua ricchezza di tirosinasi, aiuta la pelle ad essere idratata e tonica Pelle: L'ABM aumenta il potenziale antiossidante delle cellule in tutto l'organismo, con il risultato di proteggere e migliorare la salute sia all'interno, sia all'esterno, con un interessante effetto benefico sulle cellule della pelle. -Anti-aging elimina i radicali liberi che invecchiano il collagene, -dermatiti infiammatorie, perché e antiinfiammatorio -allergiche

Quest'effetto antiossidante sulle cellule dell'epidermide tende a preservare la pelle tonica e liscia, riducendo le rughe. Ha inoltre un effetto anti-edema

Reishi
Anche il Reishi trova indicazione in molte malattie (allergie, malattie auto-immuni) che riconoscono uno squilibrio del sistema immunitario. Studi scientifici hanno dimostrato che i questo fungo effettua una modulazione del sistema immunitario riportandolo all'equilibrio con notevole riduzione della sintomatologia
Ha forti proprietà antiallergiche ed antinfiammatorie grazie alla modulazione del sistema immunitario ed alla alla presenza di sostanze con azione cortisonica ed antistaminica attivando la produzione di molecole in grado di orientare la risposta immunitaria nella corretta direzione

Ha un'azione antiipertensiva grazie all'attivazione di un meccanismo ACE inibitore che, peraltro, non ha gli effetti collaterali dei farmaci chimici e' preferibile quindi non associarlo ad ace inibitori nei soggetti cardiopatici,per la sua azione sedativa del SNC trova impiego specie nei soggetti con forte prurito ed agitazione spesso associata alle manifestazioni allergiche.

Patologie infiammatorie intestinali nel cane e nel gatto
La micoterapia per la salute intestinale
Sono sempre più numerosi i casi d’infiammazione intestinale nel cane e nel gatto.

La causa principale è l’alimentazione industriale e l’eccesso di grano nella dieta. ll cane e il gatto non possiedono l’amilasi salivare, un enzima che nella saliva inizia la sua azione digestiva nei confronti dell’amido, quando l’animale lo ingerisce (amido di frumento, di mais, di segale) all’arrivo nello stomaco alcalinizza l'ambiente acido del contenuto gastrico, rallentando la digestione delle proteine che richiedono un ambiente acido, così facendo l’amido interferisce sulla digestione delle proteine creando un ambiente sfavorevole all’azione degli enzimi pancreatici spesso insufficienti a digerire l’eccesso di amido che arriva nell’intestino, inoltre cosa più importante il cane e ancora di più il gatto non sono geneticamente predisposti a digerire gli amidi e il glutine che stimolano una risposta immunitaria della parete intestinale con ispessimento e perdita della permeabilità con passaggio di alimenti grossolani (peptoni) che attraverso il sangue raggiungono vari apparati stimolando una risposta autoimmune.

Quando il sistema digerente funziona bene solo alcune particelle, accuratamente selezionate, possono attraversare la mucosa dell'intestino entrare nel flusso sanguigno. Quando le condizioni non sono ottimali, può tuttavia verificarsi un'infiammazione della mucosa intestinale con conseguente diminuzione della sua impermeabilità.

Accade infatti che alcune particelle estranee attraversino la mucosa intestinale e poi entrino nel flusso sanguigno, provocando la reazione immunitaria che le attacca generando una risposta immunitaria e infiammatoria
Questa perdita d’impermeabilità, permette a tossine, batteri, funghi e parassiti, che in condizioni normali non potrebbero attraversare la mucosa intestinale, di superare la barriera protettiva ed entrare nel sangue. Con la barriera intestinale alterata passano anche sostanze tossiche come additivi alimentari metalli pesanti micotossine che possono essere presenti in alcuni mangimi.

Con la perdita della permeabilità intestinale il cane e il gatto manifestano sintomi di disagio con episodi di rumori intestinali, flatulenza, episodi di diarrea e stipsi arrossamento anale con leccamento ala base della coda, il gatto spesso si lecca l’addome andando alla ricerca di erba, perché sente lo stomaco borgogliare con rumori di gas (ritardato svuotamento), per l’alterata peristalsi e l’accumulo di gas.

A volte una patologia intestinale da intolleranza alimentare può manifestarsi anche con semplice lacrimazione, starnuti, prurito occasionale, otiti ricorrenti.

In realtà, il problema è più grave perché questi sono solo i primi sintomi che in poco tempo si trasformeranno in una vera malattia intestinale con ispessimenti ulcerazioni e in alcuni casi si possono trasformare in tumori gastrointestinali.

La medicina ufficiale si preoccupa di curare il sintomo con antibiotici e antinfiammatori trascurando la vera causa che è quella alimentare. Inoltre l’abuso di antibiotici e antinfiammatori altera la flora intestinale distruggendo quella utile (Lattobacilli) e favorendo una moltiplicazione di batteri putrescenti (Clostridiumecc) e alla Candida intestinale.

L’eccesso di fibra grossolana presente in alcuni alimenti secchi (croccantini) crea un’esfoliazione della mucosa alterata che si sfalda con una pellicola trasparente che si rende evidente sulle feci oltre ad una produzione di muco come risultato di fermentazioni intestinali.

Altro importante punto è la presenza di grassi saturi che possono essere presenti in alcuni alimenti dietetici , inoltre, l’aggiunta di acidi grassi omega-3 e -6, spesso non di buona qualità, perché con l’azione del calore durante la preparazione di croccantini e scatolette, i grassi subiscono un’alterazione, si ossidano, e così alterati, infiammano la parete intestinale ulteriormente.

Spesso cani e gatti malati di IBD presentano problemi alla tiroide, al pancreas, artriti,nefriti, vasculiti, cheratite secca ,malattie degenerative del sistema nervoso ,come risultato di malattie autoimmuni per la presenza di particelle assorbite dall’intestino (che infiammato si presenta poroso) che si depositano in vari organi e apparati innescando una risposta infiammatoria con tiroiditi, pancreatiti, nefriti, artriti, encefaliti dermatiti ecc.

Siccome nella parete intestinale gli anticorpi IgA aiutano l'organismo a evitare le infezioni, una cattiva condizione intestinale lo renderà anche meno resistente ai virus, ai batteri, ai parassiti e all'infezione da Candida. A causa di tale condizione anomala questi agenti patogeni possono entrare nella circolazione sanguigna e andare a localizzarsi in quasi tutti i tessuti dell'organismo.

Gli antigeni alimentari riescono a entrare in circolo e possono raggiungere delle sedi distanti, quali la cute o la mucosa nasale e polmonare dove sono presenti numerosi Mastociti La reazione dei Mastociti provoca la liberazione di mediatori chimici, tra cui istamina, con scatenamento di una reazione allergica che può proporsi come: asma, orticaria, dermatite o rinite.

La localizzazione di un gran numero di mastcellule in un tessuto può predisporre alla crescita di Mastocitomi un tumore molto diffuso nel cane e nel gatto che si presenta spesso in soggetti che hanno avuto in precedenza episodi di allergie e intolleranze alimentari.

La Micoterapia Veterinaria è di grande aiuto nella gestione del paziente con Malattie Infiammatorie Intestinali (IBD) nel cane e nel gatto.

Il Reishi

Può sostituire efficacemente il Cortisone, possiede un’azione immunomodulante, antinfiammatoria un’interessante studio ha dimostrato che 50 mg di polvere di Reishi possiede un’azione antinfiammatoria che corrisponde a 5 milligrammi d’idrocortisone inoltre associando il Reishi al cortisone si può ridurre il dosaggio di quest’ultimo.

Nella patologia intestinale con il Reishi si sfruttano anche le proprietà antiossidanti antibatteriche antivirali e antitumorali.

Hericium Erinaceus
è il rimedio principale nelle patologie gastroenteriche su base infiammatoria, manifestando un’azione rigenerativa sulle mucose alterate gastro intestinale correggendo l’alterata permeabilità intestinale (o intestino bucato), molto utile nel reflusso gastrico, ulcere gastriche ulcere duodenali colite ulcerosa. La sua azione si estende dall’esofago all’ano Contiene Erinacina (A e B) una molecola a struttura fenolica con azione citotossica diretta sulle cellule tumorali e un fattore di produzione nervina (NGF) che lo rende utile per la mielinizzazione nelle malattie degenerativi del sistema nervoso centrale e periferico.

Bisogna ricordare che il sistema nervoso e quello digerente sono fisiologicamente connessi. Infatti, un’alterazione della psiche si ripercuote sul sistema digerente e alterazioni dell’apparato digerente si ripercuotono sul sistema nervoso con neurodermatiti. Questo fungo è indispensabile per rigenerare la mucosa intestinale danneggiata (ulcere, fessurazioni, porosità) e ripristinare una corretta flora intestinale correggendo la disbiosi che si accompagna sempre a una patologia intestinale.

L’Hericium è quindi un valido alleato nella terapia delle malattie intestinali infiammatorie si può dare da solo o associato con altri funghi terapeutici che agiscono in sinergia (Shiitake, Pleurotius, Pleurotus), sfruttando le tante proprietà terapeutiche antiossidanti, antinfiammatorie, rigenerative, antineoplastiche.

Ricordarsi sempre che le Malattie Infiammatorie Intestinali Croniche possono degenerare in tumori come adenocarcinomi e linfomi e quindi fondamentale una terapia preventiva antitumorale con rimedi naturali come la micoterapia.

Dott. Alessandro Prota
I funghi per la Leaky Gut Syndrome
La permeabilità intestinale nell'animale domestico
La permeabilità intestinale è una problematica comune agli animali domestici.
Si tratta di un a sindrome caratterizzata da infiammazione di eziologia digestiva con alterazione dell’equilibrio della microflora batterica intestinale. I fattori principali causativi sono i seguenti:
• Consumo eccessivo di glutine, derivato da mangimi, costituiti da carboidrati raffinati ricchi di zuccheri, farine e cereali raffinati.
• Eccesso di conservanti e coloranti nei mangimi.
• Cibi contaminati da batteri e parassiti.
• Antibiotici, corticosteroidi, aspirina e ibuprofen.

L’infiammazione provoca assottigliamento e con il tempo erosione delle membrane delle mucose intestinali, i cui punti di giunzione non sono più in grado di proteggere i tessuti e gli organi. Attraverso le fenditure più erose penetrano residui alimentari, microbici e tossici, i quali vengono riassorbiti nella circolazione sanguigna.
Gli eccessi di particelle di mangimi non ancora digeriti può provocare reazioni di tipo immunologico, le quali si manifestano spesso come allergie e alla lunga instaurano svariate malattie croniche e degenerative di tipo autoimmune.

Dott. Alessandro Prota Perché è importante che i funghi siano coltivati con metodo biologico?
I funghi possono concentrarsi metalli pesanti, specialmente se vengono coltivati nei pressi di un'area industriale dove le sostanze inquinanti di aria e acqua può essere assorbita dal terreno e passato direttamente al loro interno.

Gli effetti benefici si ottengono soprattutto con l’utilizzo del fungo intero grazie alla sinergia di sostanze in esso presenti che lavorano insieme alle giuste concentrazioni e senza effetti collaterali, specie nell'animale il fungo intero possiede un'azione più completa e si associa all'estratto di fungo specifico per la malattia da trattare.

Nonostante si sia pensato da anni che l'animale sintetizza la vitamina C con la vita moderna e il grado di intossicazione dei nostri amici a quattro zampe la quantità sintetizzata di vit C non e' sufficiente a contrastare l'eccesso di radicali liberi (liberati dalla massa tumorale) inquinanti ambientali e alimentari che esauriscono le riserve di vit C va quindi aggiunta sotto forma di ascorbato di potassio che ne facilita l'assorbimento.

Grazie alle proprietà detossificanti dei funghi terapici a secondo del grado di intossicazione l'animale presenta una certa astenia durante la fase di detossificazione, a volte accompagnata da diarrea, scolo nasale, leggero prurito tutti sintomi di disintossicazione dell'organismo dalle tossine e metalli pesanti accumulati nel tempo.

I polisaccaridi dei funghi esercitano la loro azione antitumorale principalmente attraverso l'attivazione della risposta immunitaria dell'organismo ospite.
Queste sostanze sono considerati come modificatori della risposta biologica (BRM, Wasser e Weis 1999).
Ciò significa che i funghi terapici aiutano l'organismo ad adattarsi a vari fattori ambientali e biologici esercitano un'azione non specifica sul corpo, di supporto alcuni o tutti i principali sistemi, compresi i sistemi nervoso, ormonale, e immunitario, nonché regolano funzioni biologiche Brekhman (1980).
L'azione immunomodulante dei polisaccaridi è particolarmente utile come profilattico, una forma lieve e non invasivo di trattamento e nella prevenzione dei tumori metastatici.
I polisaccaridi dei funghi non attaccano direttamente le cellule tumorali, ma producono i loro effetti anti-tumorali attivando diverse risposte immunitarie nell'ospite.

RICHIEDI SUBITO UN APPUNTAMENTO


IL MANTELLO PERFETTO

Il mantello del cane esercita molteplici funzioni

oltre all'isolamento termico e la protezione nei confronti di raggi ultravioletti, costituisce un'interfaccia durante le relazioni sociali e rappresenta spesso, per il proprietario, una qualità da ammirare.

I disturbi a carico del pelo possono essere determinati anche da squilibri alimentari; la carenza o la mancanza di determinati principi nutrizionali influiscono negativamente e visibilmente sul rinnovo fisiologico del pelo. Nel cane (come negli altri mammiferi), i peli originano dai follicoli piliferi, inclusi nello spessore dell ' epidermide.
Il ciclo di vita del pelo è diviso in tre fasi: una fase di crescita, una fase intermedia e una di riposo.

La prima fase è fortemente dipendente dalle caratteristiche genetiche del soggetto, variabile secondo la lunghezza del pelo, la regione del corpo, la razza e l'individuo.
Nella seconda fase si assiste a un arresto della sintesi dei pigmenti che colorano il pelo e la sua parte terminale diventa bianca. Nella terza fase, il pelo non è più ancorato nel follicolo pilifero e cade, anche perche spinto dal nuovo pelo sotto stante che comincia a crescere.
Il rinnovo del mantello è un processo continuo, anche se esistono variazioni nella velocità di crescita e nella densità del pelo; variazione dovuta all'atrofia di alcuni follicoli dopo la caduta del pelo e alle modificazioni che esso subisce durante la stagione invernale e quella estiva.

L’INFLUENZA DELL’ALIMENTAZIONE
I principali elementi nutrizionali da considerare per quanto riguarda la crescita e la corretta funzionalità del pelo sono le proteine, gli acidi grassi essenziali, in vitamine e gli oligoelementi.

Il rinnovo del pelo e della cute necessita fino al 30% dei bisogni proteici quotidiani di un cane adulto. Le proteine più importanti sono quelle che contengono una certa quantità di aminoacidi solforati (metionina e cistina), indispensabili alla sintesi delle proteine del mantello. Tali aminoacidi sono particolarmente abbondanti nell 'uovo, nelle farine di pesce e nel latte.

Gli acidi grassi sono i maggiori costituenti dei lipidi. Quando c'è la necessità di migliorare le condizioni del pelo e della pelle, bisogna fare attenzione soprattutto agli acidi grassi insaturi. Tra questi i gruppi più importanti sono gli omega-6, che derivano dall'acido linoleico, egli omega-3, che derivano dall'acido alfa-linoleico.

I loro precursori (ac. linoleico e ac. alfa-linoleico) sono detti acidi grassi essenziali, in quanto, non potendo essere sintetizzati per via endogena, devono essere obbligatoriamente introdotti nell ' organismo attraverso la razione alimentare.Queste sostanze sono reperibili negli oli vegetali (girasole, mais, soia, ecc.) e nei grassi animali (soprattutto dei volatili).

Alcuni acidi grassi omega-6 presentano un interesse particolare: ad esempio, l' acido gamma-linoleico, che si trova soprattutto negli oli di borragine, è utilizzato in alimentazione e dietologia umana per migliorare la morbidezza e l' elasticità dell'epidermide. Nei cani anziani, un apporto di tale acido nella razione può migliorare sensibilmente lo stato del pelo. Sembra che l'invecchiamento determini una diminuzione di alcuni enzimi che ne impedirebbe la normale sintesi.

Gli acidi grassi omega-3 svolgono un' azione positiva in corso di disturbi cutanei, soprattutto di origine allergica o in caso di dolori articolari. Hanno la capacità di inibire la sintesi di alcuni mediatori legati agli stati infiammatori e, per questo motivo, vengono sovente impiegati nel trattamento contro il prurito, le irritazioni croniche e allergiche. Gli acidi grassi omega-3 si trovano soprattutto negli oli di pesce e nell'olio di soia.

E’ interessante ricordare che gli acidi grassi omega-6 e omega-3 vengono attaccati dagli stessi enzimi nel loro processo metabolico, ed è perciò importante che il loro rapporto sia corretto.

Per il cane, si consiglia di rispettare un rapporto, tra omega-6 e omega-3, compreso tra 4/1 e 10/1. Un eccesso di omega-3 può causare disturbi della coagulazione e deficit immunitari.

Un corretto apporto di acidi grassi insaturi contribuisce dunque al miglioramento delle condizioni del pelo dell' animale, ma svolge un importante ruolo anche come coadiuvante nei trattamenti farmaceutici in caso di prurito e allergie cutanee.

IL CONTRIBUTO DELLE VITAMINE
La sensibilità al processo di ossidazione degli alimenti contenenti gli acidi grassi polinsaturi impone l'aggiunta di vitamina E e di sostanze anti-ossidanti. Del resto, la vitamina E stimola l'immunità e, di conseguenza, le difese a livello cutaneo.
La più importante vitamina per quanto riguarda la pelle e i suoi annessi (pelo, unghie, ecc.) resta comunque la vitamina A.
Essa assicura la crescita e la proliferazione delle cellule epidermiche e la produzione di sebo. La sua azione è sinergica con lo zinco egli aminoacidi solforati.
La vitamina H, detta anche biotina, è indispensabile per l'integrità cutanea. E’ importante sottolineare che un eccesso di albume d'uovo nell ' alimentazione può inibirne l' assorbimento, causando una caduta del pelo.
Infine, tutte le vitamine del gruppo B partecipano in modo più o meno diretto al metabolismo cellulare e al processo di rinnovamento del mantello.

L'IMPORTANZA DEGLI OLIGO-ELEMENTI
Gli oligo-elementi sono sostanze mirierali molto importanti, che agiscono a concentrazioni piuttosto basse.
Quelli più direttamente legati alla funzionalità cutanea e dei peli sono il ferro, lo zinco, il rame e lo iodio. Una carenza di uno di questi elementi può provocare sintomi multipli.

Ad esempio, la carenza di ferro o di rame può essere alI' origine di alcune anomalie di pignientazione cutanea e la carebza di zinco causa lesioni attorno agli occhi, alla bocca.
La quantità di oligo-elementi nella razione alimentare non corrisponde alla reale quantità disponibile per l' organismo.
Il livello e la capacità di assorbimento di questi costituenti infatti dipende dalla forma chimica al momento dell'introduzione nell ' organismo. Per esempio, l' assorbimento di calcio è in competizione con quello dello zinco e del rame.

Per facilitare il trasporto e l' assorbimento degli elementi in questione è importante renderli disponibili mediante un legame con un'altra sostanza di origine proteica o glucidica (zuccheri). Sotto questa forma (si parla di chelati) gli oligo-elementi sono prontamente utilizzati dall'organismo.
Risulta evidente che la preparazione di alimenti contenenti molecole di questo tipo è più costosa rispetto a quella contenente oligo-elementi non veicolati, ma il contributo in termini di assorbimento e, in ultima analisi, di efficacia è nettamente superiore.

RICHIEDI SUBITO UN APPUNTAMENTO




Integratore alimentare di Olio di pesce 40/20

Integratore alimentare di Olio di pesce 40/20 EPA e DHA TG con tocoferoli e estratto di rosmarino. Omega Fish è un olio di pesce selezionato in forma trigliceride, la stessa in cui naturalmente gli acidi grassi sono presenti nell’organismo umano. Ciò garantisce una biodisponibilità elevata di EPA e DHA. Inoltre è contrassegnato dal marchio Qualitysilver® che ne certifica la qualità e la stabilità, preservando i principi attivi da ossidazione.

ADVANCED OMEGA D3 120 softgel

ADVANCED OMEGA D3 è una formulazione a base di Olio di salmone selvatico pescato in modo sostenibile nelle incontaminate acque fredde dell'Alaska.

Il salmone rosso d'Alaska (Oncorhynchus nerka) risulta essere una delle fonti in assoluto più ricche e più pure di EPA e DHA (omega-3).

L'olio di salmone selvatico d'Alaska presenta infatti un rapporto omega-3/omega-6 molto alto (15:1) e quindi aiuta a bilanciare la quota di omega-6 introdotta con la dieta in modo da ricreare un rapporto equilibrato.

Fornisce lo spettro completo degli acidi grassi polinsaturi, è infatti una fonte anche di omega-5, omega-7 e omega-9. Gli omega-3 EPA e DHA influiscono favorevolmente sul metabolismo lipidico e favoriscono il benessere cardiovascolare (almeno 2 perle/die (DHA+EPA 382 mg)).

Il DHA contribuisce al mantenimento dell'efficienza cerebrale e al mantenimento della capacità visiva (almeno 3 perle/die (DHA 270 mg)).

Le perle Softgels sono sottoposte ad un processo di purificazione brevettato che assicura l'eliminazione dei metalli pesanti, incluso il mercurio, PCB (policlorobifenili) e altri inquinanti ambientali, mantenendo allo stesso tempo l'integrità dell'olio.

ADVANCED OMEGA D3 fornisce anche Vitamina D3, una vitamina importante in molti distretti (ossa, denti, sistema immunitario e muscoli) e Astaxantina da Haematococcus pluvialis, alga antiossidante.

Modo d'utilizzo: deglutire 3 perle al giorno, con acqua, preferibilmente ai pasti.

L'olio di pesce che Jamieson impiega per i propri prodotti viene estratto da pesci di piccole dimensioni (sardine ed acciughe). Quest'ultimi contengono una quantità molto più ridotta di contaminanti rispetto ai pesci di stazza grande. L'olio di pesce di Jamieson viene purificato attraverso un processo di distillazione molecolare così da rimuovere ogni traccia di mercurio metalli pesanti ed altri micro contaminanti.

I prodotti a base di omega-3 di Jamieson sono tutti arricchiti con vitamina E di origine naturale, antiossidante, la quale preserva la freschezza dell'olio di pesce. Nella categoria di prodotti contenenti gli omega-3, Jamieson propone anche l'olio di lino. Quest'olio è una fonte ricca di acido alfa-linolenico (ALA), un acido grasso, essenziale della serie omega-3 di origine vegetale. L'olio di lino di Jamieson è ottenuto da spremitura a freddo di semi di lino di altissima qualità coltivati biologicamente.

Omega 3 Super Krill 100 softgel
Omega 3 Super Krill di Jamieson è un integratore di Omega 3 di ultima generazione: contiene puro Olio di Krill antartico Neptune (NKO™).

Il krill antartico (Euphausia superba) è un microscopico crostaceo marino che vive nelle profonde e fredde acque dell’Antartico. Da esso si ricava un olio particolarmente pregiato, ricco di omega 3 (EPA e DHA) nella forma di fosfolipidi altamente biodisponibili per l’organismo. Infatti, in questa forma, l’EPA e il DHA sono prontamente impiegati dalle cellule per la costruzione delle loro membrane. Il krill contiene anche il più potente antiossidante naturale ad oggi conosciuto, l’astaxantina in grado di proteggere cellule, tessuti ed organi dai danni indotti dai radicali liberi.

NON CONTIENE: sale (cloruro di sodio), zucchero, amido, glutine, lattosio, coloranti, aromi e conservanti.

MODO D’USO: 2 perle al giorno a stomaco pieno.

Olio di Krill L'olio di krill è un prodotto oleoso (quindi lipidico) di recente introduzione sul mercato degli integratori alimentari; l'olio di krill, peraltro oggi fortemente pubblicizzato, rappresenta un'ottima fonte di acidi grassi polinsaturi essenziali della famiglia omega3 (??3).

L'olio di krill, dicono certi esperti, vanta una qualità alimentare e nutrizionale superiore rispetto ad altri comuni integratori alimentari; a giustificare un'affermazione simile potremmo citare che: il krill rappresenta uno dei primi step della catena alimentare marina, pertanto, l'eventuale contaminazione di mercurio e/o diossina non viene aggravata dalla longevità della specie, che invece riguarda altre creature marine.

A certi esperti pare logico che all'aumentare delle dimensioni della creatura (ad esempio il tonno), aumentino anche i livelli di accumulo del mercurio

L'olio di krill, a dispetto degli altri integratori od oli alimentari derivanti dai vegetali (olio di lino, di soia, vinacciolo, ecc.), contiene soprattutto omega3 Acido Eicosapentaenoico (EPA - 20:5 n-3) ed omega3 Acido Docosaesaenoico (DHA - 20:6 n-3), due molecole che, al contrario del precursore vegetale acido Alfa-Linolenico (ALA - 18:3 n-3), risultano altamente disponibili e biologicamente attive.

Inoltre, l'olio di krill garantisce la presenza di un notevole quantitativo di antiossidanti; tra questi è possibile distinguere buone quantità di retinolo (vitamina A), tocoferoli (vitamina E) ed anstaxanthina (un particolare carotenoide, pertanto un precursore della vit A).

Il potenziale antiossidante dell'olio di krill risulta notevolmente più elevato rispetto a quello degli oli vegetali ed anche di quelli estratti dal pesce (fegato di merluzzo e salmone).

Questo incredibile potere antiossidante (stimato diverse decine di volte superiore a quello degli atri prodotti in commercio) potrebbe non possedere un'efficacia reale nel caso in cui l'alimentazione ne apporti già quantità sufficienti a coprirne il fabbisogno; tuttavia, anche in questo caso gli antiossidanti contribuiscono ad incrementare il potenziale di conservazione e stabilità del prodotto.

L'olio di Krill contiene anche ottime quantità di fosfatidilcolina, un fosfolipide legato alla colina e fortemente presente sulla superficie delle membrane cellulari; la fosfatidilcolina è il costituente principale della lecitina, una molecola IPOcolesterolemizzante (contenuta anche nel tuorlo d'uovo, nella soia, nei legumi in genere ecc.) che nell'industria alimentare rappresenta un comune additivo emulsionante (E322).

Negli studi scientifici fatti sull'uomo prima della sua commercializzazione, l’olio di Krill ha normalizzato o migliorato la funzione cardiovascolare, i tassi sanguigni dei lipidi e del glucosio, la produzione di energia, la funzione epatica e le performance sportive.

In uno studio in doppio cieco, ha anche calmato significativamente gli sbalzi di umore, i crampi e i rigonfiamenti associati a sindromi premestruali.

I fosfolipidi integrati agli acidi grassi Omega 3 riducono la produzione di prostaglandine di tipo imfiammatorio che provocano l'irritazione e conducono all'acidificazione dei grassi delle membrane cellulari.

Omega Olio di Krill è notevolmente stabile in ragione del suo tenore naturalmente elevato di antiossidanti, astaxantina e vitamina A . L'olio di krill contiene uno degli antiossidanti naturali più potenti, l'Anstaxanthin, un carotenoide che dà al crostaceo il caratteristico colore rossastro distintivo e lo protegge da radiazione solare.

L'Astaxantina è equilibrante per il sistema immunitario, è un anti-cancerogeno e antinfiammatorio. Previene malattie cardiache e protegge il derma.

Secondo gli ultimi studi, l’astaxantina è molto più efficace del beta-carotene contro i radicali liberi. Tutela particolarmente bene le fragili membrane cellulari e mitocondriali («Astaxantina è molto più attiva della vitamina E, beta-carotene e luteina bloccando il processo di perossidazione causato dai radicali liberi ») Miki W. et al, 1991.)

Altri studi in vitro e in vivo, negli animali e nell’uomo, dimostrano l’efficacia antiossidante dell’astaxantina e la sua utilità nel prevenire le malattie neurovegetative derivate dallo stress ossidativo.

Prove di laboratorio hanno stabilito che l’olio di krill è 300 volte più potente come antiossidante che le vitamine A ed E e 47 volte più potente dell'olio di pesce e della luteina.

Poiché il Krill è al 100% biodisponibile per l'organismo umano, viene assorbito prontamente nelle nostre cellule e il contenuto di antiossidanti naturalmente presenti nel Krill impedisce all'olio irrancidirsi ed assicura la protezione cellulare verso i danni dai radicali liberi.


Salmon Oil Omega 3 - 90 perle

L’olio di salmone è una risorsa di acidi grassi omega 3.
Gli acidi grassi che si trovano nell’olio di salmone sono stati clinicamente dimostrati atti ad abbassare i trigliceridi del plasma e la densità di lipoproteine di colesterolo, i quali possono entrambi portare all’aterosclerosi o malattie cardiovascolari. Senza zucchero, amido, sale, glutine e lattosio.

Posologia: da 1 a 3 perle al giorno durante i pasti principali.

Ingredienti: 1000mg di oli di salmone(90%),sardina, acciuga Rivestimento ingredienti: gelatina, glicerina.

Indicazioni: - Riduce i livelli di trigliceridi del plasma ed il colesterolo LDL, aiuta a prevenire e trattare disturbi cardiovascolari. - Riduce le infiammazioni associate all’artrite reumatoide e altre condizioni infiammatorie.

Omega 3 Salmon oil - 200 perle L’olio di salmone è una importante fonte di acidi grassi essenziali della serie omega 3 (EPA, DHA).

Omega 3 Salmon oil di Jamieson contiene olio di salmone dei mari freddi dell’Alaska; è farmaceuticamente testato per garantire la piena efficacia e la totale purezza.
L’olio di pesce viene purificato attraverso un processo di distillazione molecolare così da rimuovere ogni traccia di mercurio ed altri microcontaminanti ed è certificato privo di PCB (polychlorinated biphenyl, contaminante tossico), DDT e metalli pesanti (piombo, mercurio, cadmio).

NON CONTIENE: zucchero, amido, glutine, sale (cloruro di sodio), lattosio.
MODO D’USO: 2 perle al giorno durante i pasti principali.

Omega-3 select - 150 perle Farmaceuticamente puro. Prodotto tramite processo di distillazione molecolare.
Ricavato da sardine, acciughe e sgombri. Ogni compressa da 1000mg contiene il 30% di EPA (300 mg) e il 20% DHA (200 mg).

L'olio di pesce contenente acidi grassi Omega 3 è in grado di abbassare sensibilmente i trigliceridi del plasma e la densità di lipoproteine di colesterolo. Un livello eccessivo di queste sostanze può portare all'aterosclerosi o a malattie cardiovascolari di varia natura. Senza zucchero, amido, sale, glutine e lattosio.

Posologia: Assumere 2 capsule al giorno durante i pasti principali

Ingredienti: Olio di pesce estratto da sardine, acciughe e sgombri; vitamina E.
NON CONTIENE AMIDO-GLUTINE-LATTOSIO-ZUCCHERO-SALE
Indicazioni: - Ottimo coadiuvante per abbassare il livello di colesterolo e trigliceridi - Per migliorare la circolazione - Per combattere l'artrite - Indicato come valido supporto alla dieta a zona.

Approfondimento Prodotto a base di oilo di pesce farmaceuticamente puro e libero da contaminanti. Ricavato da sardine, acciughe e sgombri. Ogni compressa da 1000mg contiene il 40% di EPA (400 mg) e il 20% DHA (200 mg).

L'olio di pesce contenente acidi grassi Omega 3 è in grado di abbassare sensibilmente i trigliceridi del plasma e la densità di lipoproteine di colesterolo. Un livello eccessivo di queste sostanze può portare all'aterosclerosi o a malattie cardiovascolari di varia natura.

Posologia: Assumere 1-2 capsule al giorno durante i pasti principali

Ingredienti: Olio di pesce estratto da sardine, acciughe e sgombri; vitamina E.

NON CONTIENE AMIDO-GLUTINE-LATTOSIO-ZUCCHERO-SALE

Indicazioni: - Ottimo coadiuvante per abbassare il livello di colesterolo e trigliceridi - Per migliorare la circolazione - Per combattere l' artrite.

La catena completa dei tre Omega: 3, 6 e 9.

L'Omega Protect puro di Jamieson è ottenuto da spremitura a freddo di semi di lino e borragine coltivati biologicamente e da pesce di acque profonde. I composti attivi (omega) di questi supplementi nutrizionali sono stati scientificamente approvati e clinicamente indicati per prevenire e curare diversi disturbi. Il prodotto contiene Omega 3 (acido alfa linoleico (ALA), Eico sapentenoico (EPA) e Docosaesenoico (DHA)), Omega 6 (acido linoleico, acido gamma linoleico), Omega 9 (acido oleico).

Posologia: da 1 a massimo 3 perle al giorno durante i pasti.
Ingredienti: Olio di lino, Olio di borragine, Olio di pesce, vit. E, Rivestimento ingredienti: Gelatina, glicerina, acqua purificata.

NON CONTIENE AMIDO-GLUTINE-LATTOSIO-ZUCCHERO-SODIO
Indicazioni: - Ottimo coadiuvante per abbassare il livello di colesterolo e trigliceridi - Per migliorare la circolazione - Per combattere l'artrite oper migliorare le funzioni cerebrali e cognitive o nella terapia delle malattie della pelle e del cuoio capelluto.

Approfondimento Possiamo considerare l'oligoterapia come un trattamento causale, che tende a rimuovere le cause e non solo gli effetti del disordine diatesico, e proprio perché con gli oligoelementi si attua un trattamento di terreno, non esistono incompatibilità assolute con altre terapie, naturali e non, anzi spesso è utile associare l'oligoterapia con la fitoterapia tradizionale; in questo modo si associa il trattamento di terreno al trattamento sintomatico: questo faciliterà più rapidamente il raggiungimento di uno stato di benessere, il quale diverrà più duraturo proprio in virtù del trattamento oligoterapico, che induce l'organismo a reagire al disturbo con le proprie risorse.

Spesso, in oligoterapia, è necessario l'impiego di più oligoelementi.
Ciò comporta la necessità di varie somministrazioni giornaliere, con innegabile scomodità per il soggetto che spesso si stanca e sospende il trattamento. Quindi è molto utile, quando è possibile, riunire in un'unica dose, per un'unica somministrazione giornaliera, tutti gli oligoelementi necessari.
Queste associazioni, ovviamente, devono essere messe a punto da ricercatori ed esperti, e preparate in officine farmaceutiche regolarmente autorizzate dal Ministero della Sanità.

La durata media del trattamento con oligoelementi varia in genere dai due ai tre mesi.

TOP

A wonderful serenity has taken possession of my entire soul, like these sweet mornings of spring which I enjoy with my whole heart. I am alone, and feel the charm of existence in this spot, which was created for the bliss of souls like mine.

I am so happy, my dear friend, so absorbed in the exquisite sense of mere tranquil existence, that I neglect my talents. I should be incapable of drawing a single stroke at the present moment; and yet I feel that I never was a greater artist than now.

When, while the lovely valley teems with vapour around me, and the meridian sun strikes the upper surface of the impenetrable foliage of my trees, and but a few stray gleams steal into the inner sanctuary, I throw myself down among the tall grass by the trickling stream; and, as I lie close to the earth, a thousand unknown plants are noticed by me: when I hear the buzz of the little world among the stalks, and grow familiar with the countless indescribable forms of the insects and flies, then I feel the presence of the Almighty, who formed us in his own image.

Duis dictum tristique lacus, id placerat dolor lobortis sed. In nulla lorem, accumsan sed mollis eu, dapibus non sapien. Curabitur eu adipiscing ipsum. Mauris ut dui turpis, vel iaculis est. Morbi molestie fermentum sem quis ultricies. Mauris ac lacinia sapien. Fusce ut enim libero, vitae venenatis arcu. Cras viverra, libero a fringilla gravida, dolor enim cursus turpis, id sodales sem justo sit amet lectus. Fusce ut arcu eu metus lacinia commodo. Proin cursus ornare turpis, et faucibus ipsum egestas ut. Maecenas aliquam suscipit ante non consectetur. Etiam quis metus a dolor vehicula scelerisque.

Nam elementum consequat bibendum. Suspendisse id semper odio. Sed nec leo vel ligula cursus aliquet a nec nulla. Sed eu nulla quam. Etiam quis est ut sapien volutpat vulputate. Cras in purus quis sapien aliquam viverra et volutpat ligula. Vestibulum condimentum ultricies pharetra. Etiam dapibus cursus ligula quis iaculis. Mauris pellentesque dui quis mi fermentum elementum sodales libero consequat. Duis eu elit et dui varius bibendum. Sed interdum nisl in ante sollicitudin id facilisis tortor ullamcorper. Etiam scelerisque leo vel elit venenatis nec condimentum ipsum molestie. In hac habitasse platea dictumst. Sed quis nulla et nibh aliquam cursus vitae quis enim. Maecenas eget risus turpis.